Bianca come il latte, rossa come il sangue

bianca_come_il_latte_rossa_come_il_sangue-alessandrio-davenia
Bianca come il latte, rossa come il sangue
5 (100%) 1 voti


Autore: Alessandro D’ Avenia

Casa Editrice: Mondadori

Anno di pubblicazione: 2010

4

 

BREVE BIOGRAFIA AUTORE

Alessandro D’Avenia è nato a Palermo nel 1977.

Alessandro D'Avenia

La sua carriera di scrittore inizia parallelamente al quella di insegnante. Raggiunge il successo e conquista la stima della critica e del pubblico con il suo best-seller “Bianca come il latte, rossa come il sangue” che viene tradotto e pubblicato in venti paesi stranieri. Il film omonimo prodotto da RAI Cinema è uscito nelle sale cinematografiche nell’Aprile del 2013.

D’Avenia ha pubblicato anche un secondo romanzo intitolato “Cose che nessuno sa”.

Oltre che insegnante e scrittore, collabora anche come pubblicista ai quotidiani “La Stampa” e “Avvenire” e nel 2008, come sceneggiatore, ha firmato alcuni episodi della terza serie di “Life Bites – Pillole di vita” presso Disney Italia.

TRAMA

Leo ha sedici anni e odia la scuola, mentre adora il calcio e i suoi due amici Niko e Silvia. Considera i professori degli sfigati, che nella vita hanno fallito, ma cambia idea quando conosce il suo nuovo professore di storia e filosofia, che nutre una vera passione per l’insegnamento e che riesce a catturare l’attenzione di Leo. Nelle sue lezioni lui parla di sogni e sprona i ragazzi a vivere al massimo. Leo non conosce ancora il suo sogno, ma sa che di sicuro Beatrice ne fa parte.

Beatrice è una ragazza dai capelli rossi. Leo la ama, ma lei ancora non lo sa.

Convive con questo segreto che rivela solo a Silvia, la sua amica del cuore. Con Niko invece si diverte a fare gare con il motorino e con la loro squadra “I Pirati” sperano di vincere il campionato di calcio della scuola.

Leo dentro di sé si sente un leone, ma la sua forza selvaggia è bloccata dal suo incubo peggiore: il bianco.

Questo colore lo spaventa, è così infinito e vuoto, silenzioso. Il bianco per Leo è morte.

Un giorno scopre che Beatrice è malata di leucemia e allora perde la testa: se lei muore il suo sogno svanisce e tutto perde significato.

Riesce ad ottenere il suo numero grazie a Silvia, ma lei non risponde ai messaggi.

Lui un giorno scoppia, non ce la fa a tenere tutto dentro e decide quindi di confessarsi a lei. Le scrive una lettera e nel tragitto tra casa sua e casa di lei viene investito in motorino. Si risveglia in ospedale con il braccio rotto e la lettera rovinata.

Quando si rimette, con l’aiuto di Silvia, riscrive la lettera e va fino all’ospedale per consegnarla alla sua destinataria. Ma Beatrice dorme su un letto bianco, è piccola e senza i suoi capelli rossi Leo quasi non la riconosce. Scappa e si rifugia nell’unico luogo che sente davvero suo: la panchina rossa del parco in riva al fiume. Qui piange e si sente cattivo per aver abbandonato l’unica ragazza che invece avrebbe dovuto proteggere e quindi strappa la lettera e la getta nel fiume.

Per fortuna c’è Silvia che ha conservato la brutta copia della lettera e decide di accompagnare Leo fino a casa di Beatrice, dove lui si confessa. Ma lei non è innamorata di lui, lei sa che deve morire…ormai manca il tempo per una relazione.

Leo decide di farle visita tutte le settimane. Insieme i due cantano e suonano la chitarra, fingono di viaggiare e visitare le città di tutto il mondo. Poi un giorno parlano dell’amore. Beatrice dice che quando Leo parla di Silvia gli brillano gli occhi, ma Leo non la ama… Il cuore di Leo appartiene solo a Beatrice..

Il giorno della finale del campionato di calcio Leo è agitato, Niko sta andando a prenderlo in motorino, ma Beatrice lo chiama in lacrime chiedendogli se le può far compagnia. Leo corre da lei, che sta molto male e che decide di regalargli il suo diario.

Intanto Niko arrabbiato perché l’amico l’ha abbandonato il giorno della finale, non risponde più ai messaggi di Leo.

Leo ha pensato a Silvia in questi giorni, forse è Silvia quella giusta per lui, ma ha paura di tradire Beatrice, il suo amore rosso.

Silvia non può essere il suo amore, lei è azzurra.

 

Beatrice muore. Il cuore di Leo ora è in frantumi, ma adesso è diverso perché grazie al suo amore rosso ha capito che è Silvia la sua anima gemella. È Beatrice che glielo ha fatto capire, quindi lui non la sta tradendo. Beatrice avrebbe voluto che lui fosse felice… così decide di dichiararsi alla sua “Azzurra”. I due sono al parco, seduti sulla panchina rossa in riva al fiume, Leo sta per confessarsi, sta solo aspettando che arrivino le parole giuste, ma Silvia prima gli confessa un segreto: “Il numero che ti ho dato di Beatrice era falso, ero gelosa e avrei tanto voluto che tu inviassi quei messaggi a me”. Ora Leo davvero si sente solo. Se ne va: un amore non può nascere con un tradimento. L’ultimo giorno di scuola Silvia gli consegna una lettera, ma lui non la legge. Con Niko non ci parla più.L’estate passa, forse è il tempo l’ingrediente segreto per sistemare tutti i problemi e forse anche merito di mamma, che gli fa capire che a volte, quando si è innamorati, si fanno degli sbagli, ma bisogna essere capaci di perdonare.Leo riflette, pensa a Silvia, a Niko, a Beatrice.Ora la curiosità di leggere la lettera si fa sempre più viva…A settembre Leo legge la lettera di Silvia, lei dice che lo ama e che, anche se lei non è perfetta come Beatrice, loro due possono provarci a stare insieme, ad amarsi. Tutto si sistema, anche con Niko, che non vedeva l’ora di fare pace, senza Leo hanno perso il campionato, ma l’amicizia è più forte di un trofeo.

 

SINTESI BREVE

La vita di Leo trascorre tranquilla, tra corse in motorino, partite di calcio e confidenze con la sua migliore amica Silvia, fino a quando non scopre che la ragazza di cui è follemente innamorato, Beatrice, è gravemente malata.

Il suo mondo gli crolla addosso, senza Beatrice nulla ha significato.

Con l’aiuto di Silvia, Leo riesce a conoscere Beatrice e a starle accanto. Con lei scopre cosa è veramente importante, viene a conoscere il valore della vita e delle piccole gioie che riempiono le giornate quotidiane, ma che spesso vengono ignorate.

 

GIUDIZIO PERSONALE

Alessandro D’Avenia in questo libro è riuscito ad immedesimarsi perfettamente nei panni di un adolescente innamorato. Nel libro il protagonista parla in prima persona e si esprime esattamente come un ragazzo moderno, con un linguaggio semplice, ma spesso profondo e commovente, che riesce con la semplicità a toccare i cuori dei lettori.

L’amore e il sogno in questo libro si fondono e mostrano come per tutti il salto dall’infanzia all’età adulta sia un passaggio difficile, ma come per Leo lo è ancora di più perché deve affrontare l’ostacolo di un amore triste e sfortunato. Ma alla fine anche lui ce la fa, anche lui riesce a trovare la sua strada per inseguire il sogno e costruirsi la vita che ama, per raggiungere la felicità.

Se sei un adulto questo libro ti farà ritornare ai tempi del liceo, dove tutta la vita sembrava ruotare intorno agli amici, alla scuola e agli amori mai corrisposti.

È un libro che consiglio agli adolescenti che leggendolo si sentiranno forse più compresi e riusciranno ad immedesimarsi facilmente nel protagonista e a cogliere messaggi importanti che l’autore vuole trasmetterci.

Ma è un lettura consigliata anche ai giovani adulti che da poco hanno abbandonato i banchi di scuola e che forse sentono un po’ di nostalgia di quel periodo senza preoccupazioni.

Infine lo consiglio agli adulti che vogliono ricordarsi meglio le emozioni provate durante l’adolescenza, che desiderano sentirsi un po’ più vicino ai giovani e comprenderli ricordandosi del periodo dove la vita ancora era fresca e dove tutto ancora era nuovo e possibile.

Se hai già letto il libro e vuoi saperne di più…

 

Anch’io, come molti, faccio parte della grande comunità di EFP, quindi, dopo aver finito di leggere questo meraviglioso libro, mi sono immediatamente catapultata a vedere come l’hanno interpretato altri e mi sono imbattuta in questa fantastica One- Shot che è come un breve seguito della fine del libro. Mi è piaciuta perché è lineare, chiara e scritta veramente bene, quindi ho pensato di allegare un link sul mio sito per chiunque volesse godere di questa piacevole letture in più. Se il libro ti è piaciuto te la consiglio vivamente! Ti basterà cliccare sul seguente link:

www.efpfanfic.net/viewstory.php

Be the first to comment on "Bianca come il latte, rossa come il sangue"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*